mercoledì 21 febbraio 2018

Domenica a Monza

Sara la mora e la bionda Raffaella per settimane si sono date da fare per organizzare l'evento. Una domenica a Monza con lo Scrittore per strada. Nelle prime ore del mattino sembrava che i loro sforzi si scontrassero contro la diffidenza degli anzianotti lì in piedi a guardarmi con le sopracciglia in disordine. Poi però la magia si è avverata: famiglie con bambini, coppiette, curiosi da soli si sono avvicinati, a volte mi sono trovato di fronte a gruppi, ho regalato e recitato tautogrammi o spiegato chi è il drago con cui viaggio l'Italia. Per pranzo, vari piatti a base di pesce e vino, per scaldarsi in vista del pomeriggio, nuvoloso e ventoso e alla fine pure piovigginoso. Sara e Raffaella si stanno sbattendo per promuovere un sacco di cose nella loro città, anche attraverso il blog Monza Reale, per renderla frizzante come certi bianchi da aperitivo. Certo, il freddo. E certo, le ginocchia. Ma sono tanti i giorni in cui penso: Mi sto proprio divertendo a fare lo Scrittore per strada. Grazie di nuovo, mora e bionda!

lunedì 19 febbraio 2018

Abitare le idee

Senti: ho un posto in cui vendo oggetti di artigianato, alcuni con materiali di recupero; ora voglio usare lo spazio per fare dei laboratori, mi importa soprattutto che circolino idee e che vengano nel negozio persone con voglia di mettersi in gioco. Ti va di fare un corso di tautogrammi da me?
 A Gabriele ho detto di sì. Venerdì sono andato a Gallarate e Abitare Le Idee mi ha accolto con mille oggetti fatti a mano, i calepini e una scacchiera così bella da mettere appetito, tanti giochi di legno e bicchieri ricavati da bottiglie di vetro. La mia "classe" ci ha messo un po' a prendere posto attorno al tavolo, troppa la curiosità verso ciò che ci circondava, tutto sembrava vivo; poi ho iniziato e la "classe" mi ha ascoltato come se fossi un gioco pure io, ha fatto domande, ha scritto tautogrammi e ogni tanto Gabriele interveniva con delle chicche, o con dei vassoi pieni di roba buona da mangiare e vini da bere.
 Abbiamo tutti imparato qualcosa, abbiamo condiviso idee, ci siamo arricchiti. Sarebbe tutto così facile, no?

mercoledì 14 febbraio 2018

Ciao, Ruggero

Ero all'inizio del giro per le strade d'Italia; Francesco mi ha proposto di sospendere un attimo il viaggio e di seguire il suo corso sul Viaggio dell'eroe, gratis, presso il Lago di Barrea. Avrei solo dovuto pagarmi vitto e alloggio. Ho detto subito di sì. Era il primo weekend di dicembre e lì, col freddo, ho conosciuto Ruggero: il ragazzo che gestiva il rifugio. Il sabato sera ci ha convinti tutti (eravamo in sette otto) a seguirlo nel suo bosco per metà innevato, a guardare troppe stelle e a scoprire in mezzo a cosa eravamo: alberi, piante, animali (perlopiù in letargo). Dallo zaino ha sfilato roba trovata nel suo bosco nel corso del tempo, sembrava che ci stesse spiegando il potere di quegli oggetti magici. Poteva starsene a letto a farsi i fatti suoi, invece ha voluto regalarci una cosa bella senza chiedere niente in cambio. A lui bastava vederci contenti. La domenica, ai saluti mi ha chiesto di avere un Drago. Volevo regalarglielo ma lui ha insistito: No, io te lo voglio pagare. E io mi sono sentito in colpa mentre infilavo il deca nel portafoglio. Oggi ho saputo che se n'è andato. E mi spiace un sacco. Ma mi sono ricordato che là fuori di gente bella ce n'è, ce n'è tanta.

lunedì 12 febbraio 2018

venerdì 9 febbraio 2018

TorPigna StreetArt Fest

Dopo un mini tour siciliano, in cui ho fatto il Wip e anziché posizionarmi per strada ho mangiato cannoli, domani a Roma tornerò a flagellare le mie ginocchia stando davanti a una Olivetti. Lo farò per un evento mooolto da ehi-che-figata, organizzato dal Crunch Circolo. Il TorPigna StreetArt Fest è iniziato da una settimana e ha ospitato artisti di vario tipo. Si mangerà e si festeggerà all'interno del locale, per i freddolosi, e all'esterno troverete dei pirla come me che proveranno a stuzzicarvi con delle magie. L’obiettivo è raccogliere donazioni per Matelica, colpita dal terremoto nel 2016.

giovedì 8 febbraio 2018

A Pozzallo

Si può fare politica in molti modi. Fare politica attiva è anche andare nelle scuole e trasmettere passione per le storie, dare l'idea che il sapere forma, fa crescere, rende autonomi, creativi e perciò capaci di avere un pensiero critico, capaci di divertirsi con niente, basta un foglio e una matita. Chi non ha cultura ha una fantasia piccina e ha sempre bisogno di uno stimolo esterno, di qualcuno che proponga, di attività che altri confezionano. Chi non ha cultura subisce passivamente il fiume che scorre, si beve l'acqua che scende dall'alto, affoga e affonda, e manco se ne accorge.

martedì 6 febbraio 2018

Nemmeno Batman

A Palermo e Catania non pioveva mesi. Crisi idrica, stato di calamità. Nemmeno Batman è riuscito a fare nulla per la Sicilia. Poi sono arrivato io. Ora sto andando a Pozzallo, ma il mio dovere l'ho fatto lasciando alle spalle città bagnate fradice. Si parla di costruire una statua in mio onore; non so se sia il caso, d'altro canto sarebbe scortese rifiutare e ipocrita negare il miracolo compiuto. Resterò umile, lo prometto. Un abbraccio dal Vostro Affezionatissimo.